IL SENSO DELLO STATO di Ferruccio Grechi


Riflessioni di un uomo libero non condizionato da media e talk show

Leggere i giornali e guardare i telegiornali ed i talk show equivale ad assistere ad una tragico commedia di basso livello educativo , sociale e morale

Qualsiasi verità viene manipolata secondo convenienza ed audience riportando solo pezzi di frase levati da un contesto più ampio per modificarne il senso a piacere; anche le cifre vengono sbandierate prendendole da fonti non omogenee e senza un comun denominatore.

Gli ospiti sono invitati cercando il massimo dello scontro e della volgarità ed arroganza, anziché della concretezza e del dialogo costruttivo per evidenziare la capacità del conduttore di scavare nello sporco vero o presunto pur di fare notizia:

Il livello giornalistico di cronista imparziale dei fatti, degenera in una chiassata da bocciodromo di periferia e gli ospiti, che dovrebbero rappresentare la classe politica dirigente, si esaltano per la loro (in)capacità di governare una nazione,

Per chi ha vissuto altri tempi, il confronto con personaggi come Malagodi, La Malfa, Marcora ed anche Almirante e Berlinguer diventa improponibile e questi ultimi si rivoltano nella tomba assistendo allo scempio fatto dai loro ex portaborse e parassiti di partito.

Nessuno di loro era un Santo, ma avevano la dignità di operare anche per il bene del paese, pur con le loro contraddizioni di pensiero ed azione.

La politica è mediazione sulla priorità delle necessità; sul come concretizzarle, sul come ridistribuire i fondi per renderle operative, sul come armonizzare le parti sociali, sul come condividere la politica internazionale.

Gli scontri d’opinione sono inevitabili quasi e quanto i clientelismi e la tutela delle lobbies che sostengono i partiti e le loro correnti interne o i piccoli partiti di corollario pronti a cambiare bandiera per un incarico di potere ed i rimborsi di spese ed amenicoli vari.

Questa Casta, di quasi intoccabili, in mezzo secolo ha provveduto non al bene del paese, ma a proteggere solo se stessa indipendentemente dalla durata delle legislazioni e dei risultati ottenuti, favorendo, con il loro beneplacito ed esempio, che altre Istituzioni, volute dalla Costituzione per evitare il rischio di una dittatura, a loro volta si arrogassero privilegi e potere.

La disaffezione  e poco interessamento degli elettori ed anche il loro condizionamento mediatico difficilmente ha cambiato le proporzioni delle coalizzazioni che continuano a presentare gli stessi personaggi con simboli differenti, come se si limitassero a cambiare un abito per essere in tema con il look del momento, senza essere coerenti con i loro passato o mostrare un evoluzione di pensiero ed una parvenza di dignità per la posizione che dovrebbero occupare come rappresentanti di un elettorato e di un programma fattibile.

Sentire, più volte nelle 24 ore da ormai troppi anni, Franceschini, Bersani, Rosi Bindi, Diliberto e Di Pietro ripetono all’inverosimile invettive contro il berlusconismo, appoggiati ultimamente dai naufraghi del terzo polo, per un certo periodo di tempo ha favorito Berlusconi, che purtroppo avendo raggiunto il limite della sopportazione e delle risorse, ha adottato la stessa politica  e continua a sbandierare riforme ed a parlarci degli ammortizzatori sociali  utilizzati per fronteggiare la crisi internazionale, perdendo consensi.

Oggi il Governatore Draghi ha presentato una relazione, confermata da altri dati mondiali sulla situazione italiana, dando atto che il Governo ha agito bene e con prudenza; le televisioni mostrano un Ministro del Tesoro e quello dell’Interno che portano risultati apprezzabili; nonostante molte critiche e strumentalizzazioni alcune riforme sono state approvate; le nostre Forze Armate, Carabinieri, Polizia e Finanza non sono seconde ad altre nazioni.

Ma è il debito pubblico e l’economia che di riflesso penalizzano le famiglie italiane unitamente alla giustizia che dovrebbe assomigliare di più  al modello anglosassone.

Avere il senso dello Stato significa anche indirizzare le risorse su tutti i settori e non solo su quelli considerati strategici; le grandi opere ed il sostegno ad alcuni settori sono necessari e da sempre i governi li hanno utilizzati per far ripartire l’economia, ma se queste premiano solo pochi non distribuiscono ricchezza al paese.

Berlusconi non è un politico, è un imprenditore e come tale dimostra il meglio di se stesso quando, con decreti ad hoc, può intervenire sulle emergenze per tamponarle e risolverle temporaneamente; i suoi governi hanno sempre dovuto affrontare emergenze e crisi non prevedibili che hanno prostrato altre nazioni ed ha saputo uscirne senza troppi danni dovendo però sottrarre i fondi dalla gestione ordinaria che è la sola che gli elettori possono riscontrare nel loro quotidiano.

Orbene è passato quasi un ventennio ed anche se ne usciamo un po’ tartassati, non ci sono stati martiri, ne squadristi, ne polizia di regime, anzi fin troppa libertà di ironia e volgarità e ricatti degli alleati di coalizzazione.

La domanda che ci dobbiamo porre riguarda il dopo Berlusconi che non ha preparato un Delfino, ma non ha neanche assegnato posti di potere nelle Istituzioni ai figli e parenti ; lo ha fatto con alcuni suoi collaboratori d’impresa confidando nella loro lealtà, ma è ora che questi vadano in prepensionamento come alcune Signore e lascino il posto a gente più giovane come Lupi ed alcune giovani parlamentari più preparate e capaci di sostenere un confronto costruttivo.

Ci si lamenta del berlusconismo,  di contro non vediamo nell’opposizione e negli alleati volti emergenti con un peso: forse il sindaco di Firenze ed il Governatore del Piemonte, ma in Vendola vediamo il vento del rinnovamento che ci ricorda la bibblica mela …………………………….

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Questo blog viene aggiornato senza alcuna periodicità, quindi non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
  • Aggregatore notizie RSS
  • Feed Aggregator
  • voli low cost amsterdam
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: